Domande frequenti (FAQ)

Fondamentalmente sì, ma ci sono diverse ragioni contro il ciclismo da sud a nord. La ragione più importante è che in alcuni tratti più lunghi il profilo altimetrico da nord a sud è più vantaggioso. Anche la direzione da cui soffiano i venti più spesso sostiene la necessità di andare in bicicletta dalla Germania all'Italia e non viceversa. Pertanto, la pista ciclabile è pubblicizzata solo in una direzione, il materiale informativo presenta il percorso, la navetta ciclabile sui passi a volte va solo da nord a sud e anche la navetta ciclabile dall'Italia alla Germania è offerta solo in una direzione. Dato che il percorso ciclabile della Via Claudia Augusta non viene quasi mai percorso da sud a nord e non c'è quasi mai un feedback da parte degli ospiti, la segnaletica non è così buona. In alcuni tratti, ci sono anche solo segnali stradali verso sud.

La Via Claudia Augusta è impegnativa quanto i percorsi ciclabili fluviali, con navette ciclabili opzionali sui passi. Pertanto, ci aspettiamo tappe giornaliere di 40-60 km per i ciclisti da turismo che non sono molto allenati ma che pedalano di tanto in tanto. Questo significa per un ciclista medio, 3 - 6 ore in sella. Un consiglio: non sottoporsi a pressioni e stress inutili. Pianificate le vostre tappe giornaliere con imbottiture di sicurezza, riducete un po' i chilometri giornalieri nei giorni con i pass e prenotate il vostro alloggio con breve preavviso se sapete quanto potete arrivare lontano senza stress. Basta chiamare i padroni di casa della Via Claudia Augusta in pieno giorno per la notte successiva. L'unica eccezione è il tempo da poco prima a poco dopo Ferragosto (= giorno dell'Ascensione, 15 agosto), nelle zone dove molti italiani trascorrono le loro vacanze, come l'Alto Adige, Venezia, la zona del Lago di Garda e Verona. 

I ciclisti che non sono molto allenati, ma che sono sempre in bicicletta, si aspettano di percorrere 40-60 chilometri al giorno. Questo significa che per i 700 km completi dal Danubio al mare Adriatico o dal Danubio al Po occorrono 10 - 14 giorni. Ma alcuni ciclisti gestiscono l'intero tour in 7 giorni. Alcuni di loro impiegano più di 2 settimane e alla fine del tour si trattengono anche qualche giorno in più. Con le navette ciclabili sopra i passi è possibile ridurre la distanza e i metri di altitudine. Alcune persone dividono l'intero percorso in diverse vacanze. Con 40 - 60 km al giorno si può arrivare facilmente dal Danubio a Bolzano in 6 - 10 giorni o da Landeck al mare Adriatico o al Po in 6 - 11 giorni.

Non è necessario prenotare l'alloggio. Se cercate un alloggio per la serata a mezzogiorno per telefono, questo sarà sufficiente. Solo a Ferragosto ci sono a volte posti prenotati al completo dove gli italiani amano trascorrere le loro vacanze. Tuttavia, di solito è possibile trovare un alloggio in una o due città lontane.

Anche a Ferragosto non ci è noto nessun caso in cui un ciclista abbia dovuto dormire all'aperto. Un consiglio: nei luoghi più grandi, di solito ci sono anche viaggiatori d'affari che si fermano per la notte e che ottengono meno durante il periodo di vacanza principale. 

La Via Claudia Augusta, con le sue navette ciclabili opzionali sui passi, non è più difficile di una pista ciclabile fluviale e quindi adatta al ciclista medio che va in bicicletta di tanto in tanto.

I più giovani ciclisti sui sentieri della prima strada attraverso le Alpi, che conosciamo, avevano 6 anni. La più vecchia era di 89 anni e, come per tutti i percorsi ciclabili, è importante non percorrere troppi chilometri al giorno in bicicletta e avere un'imbottitura di sicurezza in caso di dubbi.

Non esiste una risposta chiara a questa domanda. Il percorso ciclabile della Via Claudia Augusta è facile da percorrere in bicicletta da trekking. Nei pochi passaggi di ghiaia, un pneumatico più largo di una città o di una mountain bike è naturalmente un vantaggio.

Tuttavia, questo significa una maggiore resistenza al rotolamento per la maggior parte del percorso, che è asfaltato. 

Lungo la Via Claudia Augusta ci sono alcuni passaggi di ghiaia lungo la Via Claudia Augusta che non sono consigliati per le bici da strada. Ma si possono evitare questi passaggi sulla Via Claudia Augusta (le più belle strade per auto, camper, autobus).

Sulla strada relativamente stretta e trafficata del Fernpass consigliamo di prendere la navetta per biciclette.

Il percorso ciclabile sul Fernpass è costituito da buone strade forestali e sentieri, che non sono stati volutamente asfaltati perché l'asfalto sarebbe un corpo estraneo nell'affascinante natura della frana del Fernpass e toglierebbe gran parte della sensazione di una traversata alpina. Con il completamento dell'aggiornamento, i gradienti sono uniformi e relativamente moderati.

Se avete paura di scendere su un terreno accidentato, è meglio prendere la navetta per biciclette sul passo. Chi decide di attraversare il passo con le proprie forze dovrebbe pianificare il tempo necessario per evitare pressioni e stress. Non è un peccato - come i romani - scendere una volta e spingere un po'. 

Il Passo Resia, a 1450 metri, è il tetto del tour. Se si vuole padroneggiare la Via Claudia Augusta con le proprie forze, da Pfunds sulla Engadiner Straße si va in Svizzera e nella Martina svizzera attraverso la strada di valico del Norbertshöhe in diversi tornanti per 400 metri fino a Nauders. Se volete evitare la salita e la strada, prendete il bike shuttle da Pfunds-Stuben.

Se volete visitare la stazione doganale di Finstermünz, fondata nel Medioevo, potete anche salire a Hochfinstermünz. Attenzione, la strada da Hochfinstermünz a Nauders con le sue gallerie è pericolosa per i ciclisti e non è raccomandata. Chi visita Altfinstermünz e non vuole prendere il bike shuttle, torna un po' dopo e continua il suo viaggio sull'Engadiner Straße verso la Svizzera.

Notizie Via Claudia Augusta

Sponsor & Partner

  • Interreg Italia-Österreich - European Union
  • Gal Prealpi e Dolomiti
  • ???
  • VIA Claudia Augusta
  • Tirol - Unser Land